logologo_Ristorante_Lautrec_-_Copia_-_Copia 

logo_Ristorante_Lautrec

Forse non tutti sanno che Lautrec fu anche un finissimo gourmet.
Dopo la sua morte l’amico di sempre Maurice Joyant diede alle stampe questo libro di ricette.
copertina_ricettario
retro_ricettario
Dopo la precoce morte di Lautrec, Maurice Joyant verrÓ incaricato dalla famiglia
di gestire l’opera e il ricordo di Lautrec: lo stesso conte, padre dell’artista, avrÓ parole
di profonda stima e quasi affetto nei confronti dell’amico di quel figlio che non ha
capito e a cui non ha saputo dare affetto: “Non faccio il generoso passando a voi tut-
ti i miei diritti paterni come erede di cio che ha prodotto il nostro scomparso: la
vostra amicizia fraterna si era sostituita cosý dolcemente alla mia debole influenza,
che mi pare logico farvi proseguire in questo ruolo.,. Quindi non penso di conver-
tirmi, di lodare con entusiasmo, dopo la sua morte, ci˛ che quando lui era vivo non
riuscivo a capire, se non come prove di studio, ardite e ‘osÚ' ” (Lettera del conte
Alphonse de Toulouse-Lautrec a Maurice Joyant, 22 ottobre 1901).
Un apprezzamento che avrÓ la definitiva consacrazione nel 1922 con la donazio-
ne da parte della madre di Lautrec delle opere possedute dalla famiglia al Museo di
Albi, voluto e creato proprio da Joyant, a definitivo suggello della grandezza di Lau-
trec. In quell’occasiorie la contessa dedica ajoyant queste parole: “Voglio comunicar-
vi la mia completa soddisfazione per la vostra opera alla gloria di Henri, il Museo di
Albi” (Lettera della contessa Adele de Toulouse-Lautrec a Maurice joyant, 8 maggio
1922).
Qualche anno dopo, proprio alla vigilia della propria morte, joyant darÓ alle stam-
pe questo libro di ricette. La prima edizione infatti viene pubblicata, a cura dello stes-
- so Maurice Joyant, presso l'editore Pellet nel 1930, con il titolo di La euirine de Mon-
riew Momo. Di questa prima edizione, rarissima, sono state tirare solo un centinaio di
copie. Successivamente l’opera Ŕ riapparsa negli anni ’60 in Svizzera (Liz cuisine de
Taulouse-Lautrec ez Maurice ]0yimI, Agence Internationale d'╚dition — Edita, Losanna
1966, prefazione di M.-G. Dortu e Ph. Huisman) e in versione inglese (Toulouse-
Lautrec, Maurice joyant, The Art of Cuisine, New York, Chicago, San Francisco, Holt,
Rinehart and Wisron, 1966, prefazione di M.-G. Doitu e Ph. Huisman, traduzione
di Margery Weiner, note culinarie di Barbara Kafka).